Terapia biofisica

-

Per saperne di più puoi chiedere a 
Per approfondire segui il mini-corso sulle biofrequenze
vedi tutti i macchinari

-

Terapia biofisica

con apparecchiatura a frequenze naturali elettromagnetiche

Ogni cellula di ogni organismo vivente emette un campo elettromagnetico. La terra stessa emette costantemente un campo elettromagnetico di circa 50 microtesla. L’alterazione di questo campo elettromagnetico, dovuta alle malattie, produce progressivo degrado nell’ambiente fisiologico che è il corpo umano. La medicina cinese da cinquemila anni parla di meridiani e di chakra come di punti e livelli del corpo umano in cui le energie si propagano tra organi ed apparati e condizionano lo stato di salute del corpo e della mente. Nel secolo scorso il dott. Hiroshi Motoyama ha misurato, con apposito strumento da lui stesso costruito, l’energia emessa dal corpo umano in corrispondenza dei meridiani, trovando conferme nelle teorie che sono poi alla base di tecniche olistiche come l’omeopatia, l’agopuntura, la moxibustione, la cromoterapia, l’aromaterapia, l’iridologia, lo shiatsu, lo yoga sino ad arrivare all’osteopatia.

L’azienda tedesca Medhitera MBS ha realizzato uno strumento che emette tutte le biofrequenze del corpo umano, da 0,75 a 75 microtesla, che applicate opportunamente, in funzione delle diverse patologie, sono in grado di riequilibrare le frequenze naturali, del corpo, che si sono alterate con la malattia. Si tratta quindi di riportare l’energia dell’organismo ai livelli normali per contrastare i sintomi della malattia che ne hanno alterato i valori.

Le biofrequenze aumentano la permeabilità dei vasi, il drenaggio linfatico, la rimozione accelerata dei metaboliti tossici, il riassorbimento dei liquidi, l’eliminazione e la rimozione dei macrofagi. L’interazione avviene tra la membrana cellulare e i campi elettromagnetici con effetti antiflogistici, antiedemigenici e di riparazione tissutale. La stessa azione che il trattamento osteopatico realizza meccanicamente.

La terapia con biofrequenze consiste in cicli di circa 16-24 sedute di 20-30 minuti ciascuna da realizzarsi almeno 3 volte a settimana. In relazione ai dati biometrici ed alla storia clinica di ciascuno sono in grado di scegliere il programma più opportuno per ottenere soluzioni efficaci e definitive alle più diffuse patologie.

Per accedere al programma di Terapia Biofisica è necessaria prescrizione del medico di base o dello specialista, su foglio bianco, con l’indicazione ”si consiglia ciclo di trattamenti di massoterapia riabilitativa con biofrequenze ad effetto antiflogistico ed antiedemigenico con apparecchiatura elettromedicale per … (diagnosi)”.